in

B&W MT-50 RECENSIONE

B&W MT-50 un cinema in british style

Reader Rating0 Votes
0
8.3
Voto

Negli anni il B&W ha , negli anni, migliorato e aggiornato il suo pack home cinema piu’ compatto, rendendolo sempre piu’ performante ma senza rinunciare a un design ricercato e raffinato. Questo MT-50 (MT sta per mini theatre) non e’ da meno

Il sistema si compone di 5 satelliti a 2 vie di cui uno orientato orizzontalmente per essere utilizzato come canale centrale e dal sub ASW 608, il piu’ piccolo della gamma.

Satellite B&W m1, 2 vie 85db

Il satellite si presenta ottimamente costruito con una splendida finitura nero opaca e un supporto con giunto snodabile che offre una discreta possibilita’ di indirizzare il diffusore verso l’ascoltatore. Gli altoparlanti sono studiati appositamente per l’ M1 , il tweeter è in cupola in metallo da 25mm mentre il medio-basso  in fibra di vetro intrecciata da 100 mm.  L’efficienza non e’ particolarmente elevata il costruttore dichiara 85db ed effettivamente si sentono tutti!!!

Il sub ASW 608 probabilmente non ha bisogno di presentazioni, e’ il piu’ piccolino della gamma B&W . Si presenta in un PVC nero non proprio allineato alla finitura luxury dei satelliti ma comunque è molto discreto da vedere e sicuramente poco invasivo in casa. Dotato di woofer da 8 pollici, (20 cm)  e amplificazione interna da 200w in classe D.

L’ascolto

Dopo un’attenta installazione e sopratutto una lunga taratura per trovare la giusta sinergia tra le gamme alta e bassa.. il risultato ottenuto e’ di tutto rispetto. I satelliti e il sub si legano molto bene e poco si sente lo stacco tra i due. La scarsa efficienza ci ha costretto ad utilizzare un ampli non di primo prezzo per sfruttare le capacita’ sonore dei satelliti che risultano nitidi e molto analitici, in grado di riprodurre tutto il segnale in modo coerente e senza colorazioni. La ricostruzione prospettica non e’ particolarmente elevata le voci si stagliano pochi centimetri sopra il tweeter quindi e’ bene posizionare i front leggermente più in alto rispetto al altezza dell’ orecchio per avere un palcoscenico credibile.  Il sub pur essendo discretamente articolato manca un pochino di violenza nelle esplosioni mentre in ambito 2 canali fa il suo lavoro egregiamente. Le M1 sono originariamente state pensate per essere affiancate dal ben piu’ potente PV1 e questo si sente, la prestazione generale e’ un po limitata dalla reale dinamicità del ASW608, non tanto in ambienti piccoli ma in stanze da 40mq in su.04

B&W MT-50 RECENSIONE
Conclusioni
Costruzione
9
Versatilità
8
Suono
8
Reader Rating0 Votes
0
Pro
Ottime finiture
Buona qualità audio
Contro
8.3
Voto

Cosa pensi?

Scritto da Scorpio58

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CABASSE EOLE 3 SYSTEM WS – RECENSIONE

DZrAB TX4AABGml 788x788

ACOUSTIC ENERGY LANCIA IL PRIMO DIFFUSORE DRIVER-LESS.. FORSE