1.8 Valence, il nuovo corso di Roon

Roon è oramai considerato il miglior software per l’ascolto della musica immateriale, grazie alla incredibile capacità di aggregare informazioni: musicisti, gruppi, copertine, curiosità, concerti, critiche, in un’unica interfaccia e come nessuna piattaforma era riuscita a fare prima. Sono del resto oltre 15 anni che Roon, nelle sue varie esternazioni, è parte attiva del mondo audio digitale, divenendo, negli anni, un vero e proprio riferimento e quanto di meglio si possa auspicare, anche dal punto di vista della qualità di riproduzione. I server dedicati Nucleus e Nucleus+ sono poi il miglior modo per utilizzare Roon, senza alcuna incertezza o rallentamento.
Molte sono state negli anni le release software che si sono avvicendate e che hanno introdotto sempre nuove funzionalità o una migliore usabilità.
Questa versione, la 1.8, battezzata Valence, suona, però, più come un punto di svolta. In realtà l’algoritmo Valence in quanto tale era già stato introdotto nella precedente 1.7: è il motore con il quale Roon contestualizza la musica preferita permettendo una scoperta ed una esplorazione senza limiti. In questa 1.8 Valence ne vengono perfezionate molte caratteristiche e introdotte alcune ulteriori funzioni, in modo da rendere l’uso di Roon ancora più affascinante ed esclusivo.
Che si tratti dell’artista preferito o dell’ultimo album scoperto, Roon aiuta a capire la musica con oltre 40 nuove funzioni di raccomandazione e una nuovissima visione Focus che permette di filtrare tra artisti, compositori e album, per trovare la musica che si preferisce.
Questa 1.8 Valence rivede completamente anche l’interfaccia, che accoglie tutta una serie di richieste di funzionalità, tra cui lo scorrimento e l’orientamento verticale sui tablet, e App (sia iOS che Android) adesso praticamente uguali alle applicazioni desktop.
Anche la classiche funzioni di Roon sono state completamente riviste. Nelle versioni passate era possibile solo sfogliare i compositori e i loro brani, nella 1.8 è possibile scorrere gli album all’interno e all’esterno della propria libreria, per direttore, esecutore, periodo o altro.
La musica è il punto focale di Roon 1.8, e ogni pagina, su ogni dispositivo, è disegnata per aiutare a capire gli artisti, gli album, i compositori e i generi preferiti.

Un look & feel completamente nuovo
Roon ora ha un nuovo design che si ispira all’esposizione museale, un ambiente arioso e neutrale nel quale esporre le cose belle, e alcuni spunti sono stati presi dalle classiche riviste musicali, usando caratteri audaci e un layout innovativo.
Grazie a questa profonda rivoluzione nell’interfaccia, è stato possibile implementate una serie di caratteristiche che rendono l’utilizzo di Roon più coerente, snello e intuitivo; per esempio lo scorrimento verticalmente con qualsiasi interfaccia permette di sfogliare più agevolmente le grandi librerie, set di dischi multipli, o il lavoro di una vita di un grande compositore o artista. Con le App per iPhone e Android quasi uguali a quelle del desktop, è possibile da qualsiasi device una navigazione di grande livello, con potenti opzioni di ordinamento e filtraggio, e, per la prima volta, di Focus

Contesto e significato, grazie a Valence
Roon va ben oltre le “raccomandazioni algoritmiche” presenti nei prodotti di streaming di massa. Utilizzando i suoi metadati aggiornati e gli algoritmi di Valence, Roon fa emergere e suggerisce la musica con una sensibilità e un intuito sorprendenti.
Nella nuova schermata Artist Overview, sono presenti alcune delle 40 nuove funzioni di raccomandazione incluse in Roon 1.8. Valence guarda gli album nella tua libreria e usa la conoscenza collettiva degli utenti Roon per raccomandare automaticamente il miglior lavoro dell’artista o del compositore non ancora presente nella collezione.
Una delle tante nuove funzioni è quella degli Album consigliati: Roon guarderà automaticamente quelli presenti nella libreria e aiuterà l’appassionato a colmare le lacune, identificando i dischi chiave che gli utenti Roon stanno ascoltando. Fino alla versione 1.7 le collaborazioni tra musicisti andavano cercate manualmente, nella 1.8 è Valence a fare questo lavoro, identificando automaticamente quando due artisti hanno lavorato insieme in più uscite e trovando le collaborazioni. Questa funzione mette in evidenza non solo grandi artisti, ma anche i principali session player, produttori e compositori. Collaborators, che appare nella pagina Artist Overview, è alimentata tramite tutte le collaborazioni che Valence ha trovato. Gli estesi dati di Roon sui compositori, poi, hanno reso possibile l’identificazione di una cover o di una esecuzione orogonale. Roon 1.8 Valence cerca gli artisti che hanno più probabilità di essere “coverizzati” e raccoglie le cover più interessanti in un unico posto facilmente raggiungibile.

Nel loro periodo di massimo splendore
Quando la carriera di un artista attraversa decenni, può essere difficile sapere da dove iniziare per scoprire i suo lavoro. Valence esamina i modelli di ascolto degli utenti Roon, identificando quali anni rappresentano il “periodo d’oro” dell’artista. Non è presente sulla pagina di tutti gli artisti, ma per quelli più prolifici: Roon darà una chiara linea temporale, così da scoprire da dove cominciare per scoprire quell’artista.
E queste sono solo alcune delle oltre 40 nuove funzioni di raccomandazione incluse in Roon 1.8.

Focus!
La funzione Focus di Roon è stata a lungo il modo più potente per esplorare la propria musica, ma nella 1.7 era limitata ai contenuti già presenti nella libreria. Focus ora va oltre la propria raccolta, dando una visione a 360º di qualsiasi artista, album, interprete, compositore o composizione.
Migliaia di album con performance di Mozart? Centinaia di esecuzioni di Summertime di Gershwin o Hey Jude? Box set con centinaia di dischi? Focus ti aiuta a dargli un senso, rendendo facile sfogliare la musica con un solo clic, filtrando interpreti, compositori, generi, qualità del file e altro.

La musica classica reimmaginata
Il modo in cui si esplora la musica classica è diverso, e proprio per questo nella 1.8 è stato introdotto uno stile visivo e un layout informativo completamente nuovi, progettati per rendere facile trovare le registrazioni classiche. Valence identifica le relazioni tra compositori, direttori d’orchestra ed esecutori in modo da poter trovare esecuzioni ben considerate di qualsiasi composizione.
Nella 1.8 puoi andare direttamente dalla pagina di Beethoven agli album della libreria in cui il suo lavoro viene eseguito. E i compositori classici hanno anche il loro set di raccomandazioni, compresi gli album consigliati in base a ciò che gli utenti Roon stanno ascoltando.
La pagina della discografia funziona anche per i compositori, dandoti accesso immediato a migliaia di album classici, con ordinamento per popolarità e opzioni di messa a fuoco dettagliate, così le grandi registrazioni sono sempre a portata di mano.
Le pagine dei compositori e delle composizioni presentano anche esecutori, direttori d’orchestra ed ensemble in evidenza, tutti collegati alle pagine di Discografia “focalizzate”. Questo significa che in un paio di clic è possibile passare dalla navigazione tra le migliori sinfonie e direttori di Mahler a una lista completa di tutte le volte che il suo lavoro è stato diretto da Leonard Bernstein.

Le statistiche personali e i crediti
Il nuovo cruscotto di ascolto di Roon ti dà classifiche personali e calendario di ascolto. Una cronologia a grana fine delle ultime settimane, in modo da poter vedere esattamente cosa è stato ascoltato con una visione statistica dei migliori artisti, album e generi nel tempo, che può essere alternata per rappresentare l’ultima settimana, mese, anno o tutti i propri ascolti
In Roon 1.8 i crediti sono stati ripensati in modo da darti un chiaro senso di chi ha effettivamente eseguito la musica che stai ascoltando. Valence sposta gli esecutori più importanti in cima, con i compositori che hanno il loro spazio e una gestione speciale per la classica che assicura che i compositori siano adeguatamente evidenziati.
Quando i dati a livello di traccia sono disponibili, i link sotto ogni musicista vi porteranno alle tracce che ha eseguito, scritto o su cui è presente, e il filtraggio del testo vi permette di cercare facilmente non solo “Miles” ma anche “Guitar” o “Producer”.

Insomma, si pensava che Roon fosse già perfetto, ma ogni cosa è perfettibile, e questa nuova versione 1.8 Valence è davvero un punto di svolta e occasione per tutti gli appassionati di musica di poter conoscere con ancora maggiore puntualità nuovi musicisti, curiosità, collegamenti impensabili. Utilizzando Roon, adesso, si ha la netta sensazione di avere tutto il mondo musicale sotto le proprie mani, e con un sapiente Coach personalizzato che sa sempre cosa suggerirci.

Fonte: Audiogamma

Ottieni le ultime notizie direttamente nella tua casella di posta!

Riceviamo tanto spam quanto te e non abusiamo di questo stumento

AVGuide
Logo
Compare items
  • Total (0)
Compare
0

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.
Cookie policy